Cardio-oncologia: quando la fiducia fa la differenza